The Gnome Experiment

Posted on marzo 23, 2012 di

4


Ricordate “Il favoloso mondo di Amelie“?  Nel film la protagonista, Amelie, con l’aiuto di un’amica hostess fa credere al padre che il suo amato nano da giardino stia girando il mondo in vacanza. Il padre riceve lettere da tutto il mondo con le foto del suo nano, misteriosamente scomparso, vicino ai monumenti più importanti.
Ebbene, in questi giorni un nano da giardino sta facendo il giro del mondo per un nobile fine scientifico: lo studio delle variazioni della gravità sulla crosta terrestre. Si chiama “The Gnome Experiment” ed è un esperimento lanciato da un’azienda tedesca, produttrice di bilance di precisione.

Se la Terra fosse una sfera perfetta di densità uniforme, la gravità sarebbe costante in ogni punto della Terra. Ma non lo è, il che implica che la gravità varia a seconda della posizione. E’ possibile misurare queste discrepanze con una bilancia? A quanto pare si. L’azienda infatti sta inviando il suo “Gnome Kit” agli scienziati in giro per il mondo. Il kit comprende:
– uno gnomo, perchè – dicono – gli gnomi sono già abituati a girare il mondo, e sono originari della Germania;
– guanti da laboratorio e una bomboletta di aria compressa, perchè impronte e polvere possono ridurre l’accuratezza delle misure;
– una bilancia, calibrata secondo la gravità locale dei produttori (Balingen, Germania).

Per ovviare il problema delle differenze di accelerazione di gravità nei diversi punti della crosta terrestre, in genere le bilance elettroniche di precisione sono dotate di una funzione di calibrazione automatica che può far uso di un peso interno alla bilancia stessa, o di pesi campione posizionati esternamente dall’operatore di massa certificata. Ogni volta che una bilancia viene spostata e riposizionata infatti, oltre ad essere opportunamente livellata (“messa in bolla”), deve essere calibrata. Per le bilance che abbiamo in casa invece, l’accuratezza richiesta non giustifica la necessità di una calibrazione “in loco”.
La bilancia che accompagna il nostro gnomo è stata calibrata a Balingen, in Germania, e non verrà ricalibrata nuovamente. Per questo – a parità di massa – darà misure diverse in diversi punti del globo terrestre.

Sulla homepage del progetto è possibile consultare una mappa su cui sono riportati i luoghi visitati dal nano, e le rispettive misure. E’ interessante osservare che si hanno differenze anche dell’ordine del grammo, per esempio si va dai 307.2 g della Nuova Caledonia, ai 309.82 g dell’Antartide.

Se siete interessati a partecipare, è sufficiente compilare un form nel sito. Se volete seguire il diario delle avventure dello gnomo giramondo, il sito è questo: http://kernthegnome.tumblr.com/.

Annunci
Posted in: Uncategorized