un altro futuro in ricerca è possibile

Posted on marzo 21, 2013 di

2


ImmagineParafrasando lo slogan della protesta durante il G8 di Genova del 2001, ci si chiede spesso se in questo Paese, in questa situazione economica e con certe importanti premesse socio-culturali, sia davvero possibile pensare al futuro della ricerca. Vorrei rispondere positivamente, un po’ perchè oggi è pur sempre il primo giorno di primavera, un po’ perchè oggi iniziano ufficialmente i progetti di ricerca finanziati dal MIUR che si chiamano appunto FUTURO IN RICERCA. Questa tipologia di progetti è dedicata esclusivamente ai giovani dottori di ricerca. Nel corso degli ultimi anni sono cambiate le procedure di valutazione (sempre avvenute però sia con un referaggio anonimo, sia con un colloquio diretto con il coordinatore scientifico del progetto) e i criteri che decidono la linea di intervento per cui si può concorrere (fondamentalmente dipende dagli anni trascorsi dalla discussione del dottorato). In particolare, nel 2012 è stata introdotta una preventiva selezione locale, ad opera dell’Ente di Ricerca o dell’Università di appartenenza del coordinatore del progetto. Questo tipo di selezione è stata ampiamente criticata e dibattuta, e di fatto quest’anno non viene ripetuta. Credo che la procedura di valutazione dei progetti dei giovani sia tuttora migliorabile, tuttavia questo bando rimane, nel nostro Paese, un’occasione che credo andrebbe presa in seria considerazione da tutti quelli che ambiscono ad intraprendere un proprio percorso di ricerca.

Annunci